Tavolo Sicurezza Privata al Ministero del Lavoro: UNIV e ANIVP dicono no alla stigmatizzazione del comparto

A seguito delle diverse iniziative messe in campo dalla Magistratura e della conseguente esposizione mediatica del settore, il 3 Agosto le Organizzazioni Sindacali e le Associazioni di categoria del comparto vigilanza e sicurezza privata, assieme ai Commissari delle cooperative facenti capo a Mondialpol e Sicuritalia, sono stati convocati dal Ministero del Lavoro, nella persona del Sottosegretario Sen. Claudio Durigon.

Con riferimento al salario dei servizi fiduciari, oggetto di pesanti iniziative giudiziarie, il Presidente di UNIV Luigi Gabriele ha fatto presente che “il recente rinnovo contrattuale, cui è arrivati dopo ben 8 anni di trattative, è stato avallato dai referendum tra i lavoratori indetto dalle OO.SS e dai responsi in maggior parte favorevoli della magistratura del lavoro (soglia della povertà inclusa)”.
“Le iniziative giudiziali messe in campo contro specifiche realtà aziendali, oltre a non risolvere la questione, rischiano paradossalmente di avere ricadute negative sugli stessi lavoratori delle aziende coinvolte, che peraltro sono le più dimensionate, generando nuova confusione e palesi squilibri di mercato. Se poi si intende commissariare il sistema del libero mercato e della libera contrattazione fra le parti sociali ricorrendo allo ius judicis per stabilire quali siano le tariffe adeguate, allora si dica apertamente che si intende delegittimare l’intero sistema delle relazioni industriali, che – seppur con indubbio e colpevole ritardo – si è però assunto le proprie responsabilità rinnovando il CCNL di categoria” – ha ricordato Luigi Gabriele.

“Non siamo di fronte al commissariamento di due cooperative, ma al commissariamento dell’intero settore” – commenta Marco Stratta, Segretario Generale di A.N.I.V.P. “O almeno è quanto emerge dalle valutazioni espresse dai Commissari al tavolo convocato dal Sottosegretario al Ministero del Lavoro; valutazioni che non hanno un riscontro oggettivo e strettamente giuridico, ma che sembrano più derivare da una sorta di condanna morale. Unici punti di convergenza nelle considerazioni del tavolo sono quelle sul mercato, totalmente drogato di massimo ribasso e principale responsabile dell’attuale situazione” – continua Stratta.
“A.N.I.V.P. ha fornito al Ministero le proprie indicazioni in un documento scritto che auspichiamo venga preso nella dovuta considerazione perché non è possibile immaginare la riapertura di un tavolo negoziale senza il supporto e la garanzia, anche economica, dello Stato” – conclude il Segretario Generale di A.N.I.V.P.

“Spiace in questa sede dover rammentare che negli anni di trattative mai abbiamo ottenuto risposte rispetto alle tantissime domande poste allo stesso Dicastero del Lavoro su temi di vitale interesse – dichiara Anna Maria Domenici, Segretario Generale di UNIV. Il nostro settore non viene ascoltato nelle sedi istituzionali e continua ad essere considerato residuale nel comparto della fornitura di servizi. Eppure le nostre imprese sono essenziali per la tutela della sicurezza anche sul piano sociale: non meritano di essere messe alla gogna mediatica. Il tema vero è l’insensibilità della committenza alla qualità e al valore dei servizi. Potrei enucleare un’infinità di esempi di gare d’appalto a tariffe scandalose, anche con stazioni appaltanti pubbliche: di chi è dunque la colpa ? Come si possono conciliare i prezzi messi in gara ed i costi di un settore strettamente labour intensive se non viene garantito il rispetto del Codice appalti e se imperversano abusivismo e contratti pirata? UNIV ha avanzato molte proposte in tutte le sedi istituzionali, a partire dalla defiscalizzazione degli oneri di conseguimento di un bene primario come la sicurezza, per arrivare all’apertura normativa ai servizi di protezione della persona fisica e allo snellimento burocratico. Proposte che sono rimaste lettera morta” – ha concluso Anna Maria Domenici.

Il tavolo si riaggiornerà a Settembre, in data da definirsi.

Ministero del Lavoro – Incontro Parti Sociali 03.08.2023

“Aumentare le retribuzioni degli operatori fiduciari!!!”
 
Questo l’incipit emerso oggi 3 agosto 2023 dal tavolo convocato dal Sottosegretario al Ministero del Lavoro On. Sen. Claudio Durigon, presenti le parti sociali sottoscrittrici il CCNL di categoria e i commissari giudiziari delle cooperative legate a Mondialpol Vedetta 2 e Sicuritalia.
 
La riunione viene aperta dal Senatore Durigon cui segue il classico giro di tavolo a chiamata per organizzazione di rappresentanza.
 
A.N.I.V.P. difende in modo risoluto le soluzioni contrattuali raggiunte, il loro avallo a seguito dei referendum tra i lavoratori indetto dalle OO.SS, nonché i responsi in maggioranza favorevoli da parte della magistratura del lavoro; non ultimi i tecnicismi che tengono i salari sopra la fatidica soglia di povertà.
 
Le OO.SS richiamano il loro senso di responsabilità nella firma di un CCNL considerato non soddisfacente ma rappresentano anche la preoccupazione per le iniziative giudiziali in corso, che rischiano di avere ricadute negative solo sui lavoratori delle aziende coinvolte.
 
Poi i Commissari, che palesano lo scopo ultimo di moralizzare le retribuzioni degli operatori fiduciari, adducendo valutazioni di senso contrario a quello delle associazioni di categoria.
 
In ultimo il Segretario dell’Onorevole Durigon, quest’ultimo poi impegnato al Senato, che conferma la volontà del Ministero a risolvere una questione che mette in imbarazzo …. Onorevole, Ministero e Governo.
 
Tutti riconvocati a settembre in data da definire.
 
Questo non è il commissariamento di due cooperative ma il commissariamento dell’intero settore” commenta Marco Stratta, il Segretario Generale di A.N.I.V.P. “O almeno è quanto emerge dalle valutazioni espresse dai Commissari al tavolo convocato dal Sottosegretario al Ministero del Lavoro; valutazioni che non hanno un riscontro oggettivo e strettamente giuridico ma che sembrano più derivare da una sorta di condanna morale”.
 
“Unici punti di convergenza nelle considerazioni del tavolo sono quelle sul mercato di riferimento, totalmente drogato di massimo ribasso e principale responsabile dell’attuale situazione” continua il Segretario Generale.
 
A.N.I.V.P. ha fornito al Ministero le proprie indicazioni in un documento scritto, che auspichiamo venga preso nella dovuta considerazione perché non è possibile immaginare la riapertura di un tavolo negoziale senza il supporto e la garanzia, anche economica, dello Stato” conclude Marco Stratta.


 LETTERA ANIVP – UNIV AL MINISTERO DEL LAVORO 02.08.2023

Circolare Accredia – Indicazioni per il recepimento della Circolare Ministero Interno prot. del 04.04.2023 – Estensione licenza di Vigilanza

Nel richiamare la circolare congiunta ANIVP – UNIV del 12.06.2023, trasmettiamo la Circolare Prot. DC2023OC055 del 11 luglio 2023 emessa da Accredia.

L’Ente Unico di Accreditamento entra nel merito di quanto disposto dal Ministero dell’Interno nell’aprile di quest’anno con riferimento all’estensione di licenza (ambiti territoriali e classi funzionali) ex art 257-ter, comma 5 del Reg. Esec.Tulps.

Accredia fornisce chiarimenti di merito ai seguenti punti:

  • Estensione di servizi o di ambiti territoriali
  • Certificato carichi pendenti anagrafe tributaria
  • Direttore tecnico per i servizi di sicurezza sussidiaria
  • ARC Categoria I ex EN 505018 per Istituti di Vigilanza Privata operanti in Ambito Territoriale 4 e 5

CIRCOLARE ACCREDIA DC2023OC055  DELL’11.07.2023

NOTA INTERASSOCIATIVA ANIVP – UNIV



Confermata l’ipotesi di accordo per il CCNL Vigilanza Privata e Servizi di Sicurezza

Terminate con esito positivo le consultazioni indette dalle parti sociali  (FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL da una parte – cui si aggiunge UGL Sicurezza Civile con separato accordo – e A.N.I.V.P., ASS.I.V., U.N.I.V. e le Associazioni del mondo Cooperativistico dall’altro).

Viene così definitivamente approvata l’ipotesi di accordo sottoscritta lo scorso 30 maggio.

Di seguito si trasmette pertanto la circolare esplicativa a firma del Segretario Generale, dott. Marco Stratta.

CIRCOLARE ESPLICATIVA A.N.I.V.P. 04/07/2023 – RINNOVO CCNL
ALLEGATO – TABELLA AUMENTI
ALLEGATO – TABELLA UNA TANTUM

Corso Operatore di Sicurezza – Il Contesto e le Tecniche

L’A.N.I.V.P. in collaborazione con la SEC FM srl presenta il corso Operatore di Sicurezza – Il contesto e le tecniche.

Il corso si propone di presentare il mondo della security privata o approfondire determinati aspetti per aumentare la propria professionalità o quella dei propri collaboratori.

Si rivolge a tutti gli Operatori della sicurezza che già operano nel comparto, o a coloro che desiderano approcciarsi al mondo della sicurezza.

Il corso avrà inizio il 07/07/2023, si compone di 4 moduli divisi in 1 incontro a settimana e si terrà in modalità webinar.

Per informazioni e iscrizioni chiamare il 3349853520 o scrivere a info@secfm.it

LOCANDINA
BROCHURE
MODULO DI ISCRIZIONE

Sondaggio “Vigilanza privata, quanto è interessata all’innovazione tecnologica?” – Gli interventi di A.N.I.V.P.

In occasione dell’evento tenutosi il 19 aprile a Torino Vigilanza privata, innovazione tecnologica e transizione digitale: a che punto siamo, A.N.I.V.P. ha presentato i risultati del sondaggio realizzato da securindex sulla propensione all’innovazione tecnologica delle aziende della vigilanza privata. Il campione di intervistati rappresentante oltre 20.000 addetti ha espresso una forte propensione verso i servizi innovativi, assieme alla fiducia verso le associazioni di categoria.

Il Segretario Generale di A.N.I.V.P. Marco Stratta ha spiegato le motivazioni della ricerca introducendo i lavori del seminario.

GUARDA IL VIDEO CON L’INTRODUZIONE DI MARCO STRATTA

GUARDA IL VIDEO CON LA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA DI FEDERICA DOSIO

Sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL con l’organizzazione sindacale UGL – Sicurezza Civile

ANIVP, ASSIV, UNIV e UGL Sicurezza Civile hanno verbalizzato l’ipotesi d’accordo per il rinnovo del CCNL Vigilanza Privata e Servizi di Sicurezza

Firmata l’ipotesi d’accordo per il rinnovo del CCNL di categoria

COMUNICATO

FIRMATA L’IPOTESI D’ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CCNL DI CATEGORIA

CAMBIA LA DENOMINAZIONE

NON PIU’ OPERATORI FIDUCIARI, MA OPERATORI DEI SERVIZI DI SICUREZZA

Roma, 31 maggio 2023 – Nel tardo pomeriggio di ieri le parti sociali (FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL, UILTUCS UIL, ANIVP, ASSIV, UNIV e le associazioni del mondo cooperativo) hanno verbalizzato l’ipotesi d’accordo per il rinnovo del CCNL Vigilanza Privata e Servizi di Sicurezza.

Tra le novità il cambio di denominazione, non più servizi fiduciari ma servizi di sicurezza, a testimoniare la volontà delle parti a dare adeguata rilevanza ai servizi disarmati, richiesti sempre più dal mercato.

Con la sottoscrizione dell’ipotesi di accordo sono stati condivisi dalle parti alcuni testi relativi a: validità e sfera di applicazione, attività sindacali, tutela della genitorialità, bilateralità, periodo di prova, salute e sicurezza, permessi e congedi, previdenza integrativa, assistenza sanitaria intehgrativa, cambio appalto.

La parte economica dell’accordo, che avrà validità dall’1 giugno 2023 al 31 maggio 2026, prevede un aumento di 140 euro in 3 anni, 400 euro di una tantum per le GpG spalmata in 3 anni, una revisione dei livelli di ingresso sia delle GpG che degli operatori fiduciari che, appunto, cambiano nome e prenderanno la denominazione di “operatori dei servizi di sicurezza”.

Prima traches di aumento che copre il primo anno di validità del contratto, 50 euro, a partire da giugno 2023.

Grande sforzo è stato fatto dalle imprese rappresentate da ANIVP per dare una risposta alle istanze di adeguamento economico che venivano dai lavoratori, dalle istituzioni, dai media e da parte della stessa utenza. Ora spetta al mercato procedere il prima possibile a valorizzare la raggiunta “normalizzazione” economica per GpG e operatori di sicurezza”. – commenta Marco Stratta, Segretario Generale di ANIVP

La firma dell’ipotesi d’accordo è di estrema importanza per il settore in quanto porrà altresì auspicabilmente fine alla tensione giudiziale che ha caratterizzato le relazioni industriali negli ultimi mesi – prosegue Stratta

L’auspicio è che la sottoscrizione del nuovo contratto possa portare a nuove relazioni industriali che tengano conto dell’evoluzione dei tempi e delle mutate esigenze. Faremo la nostra parte per pretenderlo.” – conclude il Presidente di ANIVP avv. Claudio Moro.

La sottoscrizione del contratto collettivo definitivo è subordinata alla valutazione positiva della consultazione rispettivamente dei lavoratori e degli organi associativi.

IPOTESI ACCORDO FILCAMS, FISASCAT, UILTUCS

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento. Per acconsentire clicca sul pulsante "Accetta". Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, visita la Privacy Policy .